Ok

Cookie Policy: questo sito utilizza i cookie.

Se continui a navigare sul sito acconsenti alle Condizioni e ai Termini, alla Privacy Policy e utilizzo dei cookie durante la navigazione sul sito.

Per saperne di più sui cookie e su come cambiare le impostazioni, consulta la Cookie Policy


COS'È L'OZONO

PRODUZIONE E CARATTERISTICHE

SETTORI DI UTILIZZO

SALUTE E TECNOLOGIA


PROPRIETÀ MICROBICHE


DOMANDE FREQUENTI

Ozono: Salute e Tecnologia

Anche a livelli oltre lo 0.2 ppm, soglia di percezione dell'odore dell'Ozono, questo non è dannoso per la salute.

L'Ozono può essere dannoso ad ALTE CONCENTRAZIONI.

NON DEVE ESSERE LASCIATO ALLA PORTATA DI PERSONE CHE POTREBBERO FARNE UN USO SCORRETTO.

ATTENERSI ALLE ISTRUZIONI D'USO.

NON RESPIRARE DIRETTAMENTE IN PROSSIMITÀ DEI TUBI DI FUORI-USCITA DELL'OZONO.

LA CONCENTRAZIONE IN QUEI PUNTI E' ESTRAMENTE ELEVATA.

Mediante l'Ozono si possono rimuovere e distruggere i residui maleodoranti di prodotti chimici usati in precedenza, per la disinfezione e la sterilizzazione del locale, inoltre produce, con una sola azione, anche una potentissima azione di deodorazione.

  • In concentrazione sino a 0.5ppm, l'Ozono ha un odore gradevole ed è tipico dell'aria dopo un temporale.

  • La concentrazione in natura a livello del mare è tipicamente 0.3 ppm.

  • Per esposizione della durata di 24 ore, la concentrazione massima deve essere 0.5 ppm.

  • Per esposizioni della durata di 8 ore, la concentrazione massima deve essere 0.1ppm.

  • Per esposizioni brevi, la concentrazione massima può raggiungere i 0.3 ppm.

  • Ai fini della sterilizzazione e disinfezione, bisogna raggiungere un livello di concentrazione pari al 25 – 30% dell'esposizione massima, per la durata di 24 ore.

L'ESPOSIZIONE PROLUNGATA AD ALTI LIVELLI, superiori a circa 100 ppm, produce nausea e mal di testa.

Per garantire i risultati di cui sopra è comunque obbligatorio saturare l'ambiente di Ozono.

L'Ozono è un potente agente ossidante, ma è anche tossico per organismi viventi ed esseri umani, perciò l'esposizione superflua ad Ozono deve essere evitata.

L'U.S. Department of Labor Occupational Safety and Healt Administration, ha emesso un limite di esposizione all'Ozono pari a 0.1 ppm (0.2 mg/m3) per 8 ore consecutive, per un totale di 40 ore lavorative settimanali.

Questo significa che un lavoratore può essere esposto a più alte concentrazioni di Ozono, ma al di sopra di 8 ore l'esposizione non può eccedere gli 0.1 ppm.

E' comunque obbligatorio effettuare i trattamenti con Ozono in assenza di personale o animali domestici.

Vantaggi degli ozonizzatori di nuova generazione:

Anche se sono più di 130 anni che si produce Ozono sintetico, è solo in questi ultimi 20 anni che sono stati fatti progressi significativi.

I miglioramenti principali apportati sui nuovo ozonizzatori:

  • Miglioramento del rendimento di Ozono per superfice di elettrodo;

  • Riduzione del 60% di consumo di energia dell'apparecchio mantenendo la stessa produzione di Ozono.

AirFarm (brevettato) riesce a far ottenere oltre l'80% di riduzione del consumo energetico.

I dielettrici ad alta tecnologia hanno una maggiore resistenza agli shock ed offrono caratteristiche ottimizzate.

Grazie a questi miglioramenti, l'Ozono è utilizzabile in modo totalmente nuovo, e questa tecnologia è diventata accessibile anche ai piccoli consumatori.

I generatori di Ozono possono essere facilmente integrati in tutti i sistemi depurativi, sia vecchi che più recenti, con un tempo minimo di installazione e uno spazio ristretto.

Proprietà microbiche dell'Ozono:

Mentre nei paesi sotto sviluppati la Salmonella del tifo ed i vibrioni del colera sono tipici batteri trasmessi dall'acqua, nei paesi industrializzati questa può rappresentare un veicolo per la salmonella typhimurium, per alcuni tipi di vibrioni come il Vibrio Vulnificus, per l'aeromonas hydrophilus, presente anche nelle acque alpine, per la Legonella Pneumophila presente anche nelle vulcaniche (45° - 50° C) e negli impianti di climatizzazione.

Nelle acque superficiali sono relativamente frequenti i ciano batteri, produttori di entero e neurotossine, ecc., per non parlare di altre decine di batteri, virus e protozoi che spesso si combinano tra loro nei "biofilm", e che a loro volta proteggono i microorganismi che li compongono.

Disinfezione significa depurazione del mezzo fino a renderlo incapace di causare malattie infettive per essere umani, animali e piante che entrano in contatto con il mezzo (soprattutto le acque).

Sui vari germi, l'Ozono risulta uno dei più efficaci disinfettanti, agendo in concentrazioni pari a frazioni di ppm ed in tempi relativamente brevi.

A causa del suo alto potenziale ossidante, l'Ozono ossida i componenti cellulari della parete delle cellule batteriche penetrando dentro la cellula.

Una volta entrato, ossida tutte le componenti essenziali (enzimi, proteine, DNA, RNA).

Durante tale processo la membrana si danneggia e la cellula muore. (vedi tabella 1°)

I rapporti riferiti evidenziano le difficoltà che si possono incontrare quando si devono eliminare comuni germi vegetativi, come lo Staphylococcus Aureus di regola più sensibili di tanti altri germi.

Tabella 1°:

INATTIVAZIONE DEL 99,9% DI BATTERI, A 20° - 24°C, AD OPERA DELL'OZONO

Germe Minuti Ozono (mg/L)

Escherichia Coli 0,16 - 1,67 0,065 - 0,51

Legionella Pneumophila 8 0,32 - 0,47

Salmonella Typhimurium 1,67 0,23 - 0,26

Mycobacterium Fortuitum 1,67 0,23 - 0,26

In prove recenti, effettuate esponendo oggetti infettati da Staphylococcus Aureus meticillino-resistenti (MRSA) all'insuflazione di Ozono, si è visto che i germi venivano uccisi dopo 2 ore di esposizione a 0.1 ppm di gas.

In camere ospedaliere, in cui si era posto un ozonizzatore, in presenza di MRSA coltivati in brodo-agar o posti su carta da filtro o su vetrino, le concentrazioni risultano da attive a parzialmente attive e a seconda della distanza dei germi contaminati dal punto di insufflazione e dal tempo trascorso dall'immissione della concentrazione riferita di Ozono.

Per eliminare contaminazioni diffuse da parte di stafilococchi meticillino-resistenti in ambienti ospedalieri, si possono ottenere buoni risultati se dopo un trattamento per "mopping" delle superfici, ad es. con polifenoli detergenti, gli ambienti fossero poi esposti, per tempi vari, a concentrazioni di almeno 0.5 ppm di gas.

L'efficacia virucida dell'Ozono si manifesta in presenza di sostanze organiche (Tabella 2° e 3°).

Tabella 2°:

INATTIVAZIONE DI VIRUS A 20° - 24°C

Virus idrofili Riduzione (%) Minuti Ozono (mg/L)

Poliovirus tipo 1 99,7 1,67 0,23 - 0,26

Poliovirus tipo 1 95 0,50 - 0,75 0,32 - 0,51

Coxsackie A9 98 0,16 0,035 - 0,14

Tabella 3°:

INATTIVAZIONE VARIABILE DI VIRUS AD OPERA DELL'OZONO A 20°C

Virus idrofili Riduzione (%) Minuti Ozono (mg/L)

Poliovirus tipo 1 75 - 99 10 0,2

Virus enterici 98 98 4,1

Virus Lipofili

Rotavirus umano 90 10 0,31

Proprietà sporicide, fungicide e protozoicide:

In aggiunta all'attività battericida e virucida dell'Ozono vi sono le sue proprietà sporicide, fungicide e protozoicide.

Come sporicida l'Ozono non ha solo interesse scientifico; fin dai primi anni '80, l'Ozono è riconosciuto come sostanza di uso sicuro, ed è stato approvato come disinfettante da aggiungere all'acqua in bottiglia, per l'acqua da usare nel congelamento del pollame, per la conservazione delle uova, e tutti i processi per le quali è essenziale la inattivazione delle spore.

In quegli anni vennero pertanto approfondite le ricerche, che dimostrarono l'efficacia del gas su bacilli sporigeni come il B. Cereus, il B. Megaterium, i C. Clostridi, ecc.

Per quanto riguarda, infine, l'effetto protozoicida dell'Ozono, ricordiamo che in Europa, le malattie più note dovute a questi parassiti sono l'amebiasi, la tocsoplasmosi e la malaria.

L'entamoeba histolytica, non è il protozoo più sensibile all'Ozono, anche se le percentuali attive del gas restano piuttosto basse; d'altra parte questo protozoo è anche relativamente resistente al cloro così dimostrato da alcune epidemie, come quella che molti anni fa si è verificata a Chicago, ove si usava acqua trattata (male) anche con il cloro.

L'attività specifica dell'Ozono sulle amebe è oggi di grande attualità per prevenire le polmoniti Nosocomiali da legionella paeamophila, germe che si sviluppa preferibilmente nell'acqua calda.

Mentre sono ben note le infezioni intestinali dovute ad acqua contaminata da giardia, sono meno

conosciute quelle causate da Cryptosporidium, anche se negli ultimi tempi, in aggiunta a casi singoli di infezioni gastroenteriti, ha causato decine di epidemie.

Sia Giardia, che cryptosporidium sono presenti nelle acque di tutti i fiumi del mondo.

Poiché le filtrazioni comuni non sono in grado di garantire l'eliminazione dei protozoi, ricordiamo che l'Ozono risulta attivo contro il Cryptosporidium a concentrazioni molto basse e in tempi brevi, mentre la Giardia è sensibile a concentrazioni di Ozono ancora minori.

TABELLA INDICATIVA DEI TEMPI MINIMI NECESSARI PER LA DISTRUZIONE DI ALCUNI MICRORGANISMI, MEDIANTE LA STERILIZZAZIONE CON OZONO

BATTERI SPORE

Strep. Lactis 0'14''

Pencilim Roqueforti 0'45''

Strep. Hemolyticus (Alpha Type) 0'09''

Pencilim Expansum 0'36''

Staph. Aures 0'10''

Pencilim Digitarum 2'26''

Staph. Albus 0'10''

Aspergillus Glaucus 2'26''

Micrococcus Sphaeroides 0'25''

Aspergillus Flavus 2'45''

Sarcina Lutea 0'44''

Aspergillus Niger 9'10''

Pseudonomas F1uorescens 0'10''

Rhizopus Nigricans 6'06''

Listeria Monocitogenes 0'11''

Mucor Rocemosus (A) 0'58''

Proteus Vulgaris 0'13''

Mucor Rocemosus (B) 0'58''

Serraia Marcenses 0'10''

Oospora Lactis 0'18''

Bacillus Subtilis 0'18''

FERMENTI

Bacillus Subtilis Spores 0'36''

Saccharomyces Elipsoideus 0'22''

Spirillum rubrum 0'10''

Saccharomyces SP. 0'29''

Escherichia Coli 1'00''

Saccharomyces Cerevisiae 0'22''

Salmonella Typi 3'00

Lievito di birra 0'11''

Shigella Dissenteryae 1'00''

Lievito per pane 0'14''

Brucella Albortus 1'00''

PROTOZOI

Staphilococcus 10'00''

Paramecium 5'30''

Pyogenes aureus 10'00''

Nemotote EGGS 0'36''

Vibrio cholerae 20'00''

ALGAE 0'36''

(VIRUS Bacteriphage (E.Co1i)) 0'10''

Tabacco Mosaic 12'15''

Morbo del legionario 19'

Ebola 20'

Virus respiratorio Sinci Nuale 21'

FAQ:

Come si calcola il tempo necessario per il trattamento di igienizzazione di un locale?

L'igienizzazione di un ambiente la si raggiunge in circa 20 minuti.

Le tabelle mostrano chiaramente che maggiore è l'azione dell'Ozono e maggiore è la sua efficacia, e su questa base possiamo, con una semplice proporzione, definire tutti gli ambienti.

Consigliamo sempre di eseguire programmi preimpostati di trattamento, al fine di identificare il tempo corretto di utilizzo.

Naturalmente ciò è legato al tipo di presenza che possiamo trovare nell'ambiente: Virus, Batteri, Spore o Muffe.

Comunque, in circa 20 minuti si debella quanto riportato nella nostra scheda informativa.

Ogni quanto tempo deve essere eseguito il trattamento di igienizzazione?

Dipende dall'ambiente da trattare.

Deve essere stilato un programma d'uso, in base alle relative esigenze personali e di necessità.

Ad esempio, in una stanza d'albergo, si consiglia l'uso ogni qual volta cambia l'ospite della stanza.

In particolare condizioni (odori sgradevoli o fumo), il trattamento può essere eseguito anche tutti i giorni, vista la facilità di utilizzo da parte del personale addetto.

Gli insetti e gli animaletti che eventualmente sono nel locale (scarafaggi, cimici, acari, zanzare, topi...) come reagiscono al trattamento?

Gli animaletti, più sensibili dell'uomo agli odori ed ai pericoli, nel momento in cui sentono l'Ozono scappano.

L'Ozono (più pesante dell'aria) tende ad insinuarsi nelle gallerie e nei passaggi degli animaletti, rendendo l'ambiente inospitale ed evitando, in linea di massima, il loro ritorno.

E' naturale che questi ospiti indesiderati, se hanno una strada di accesso, la trovano anche per allontanarsi, ma il costante utilizzo renderà l'ambiente inospitale e sarà da loro abbandonato.

Se apro la finestra per arieggiare il locale, l'igienizzazione viene annullata?

No, l'Ozono ha agito anche in profondità (nelle moquetes, nelle tende, ecc) ed il suo effetto continua a "preservare" l'ambiente, anche perché il cambio d'aria non viene eseguito con aria infetta ma con aria normalissima, per cui l'Ozono continua la sua azione di mantenimento all'interno di tessuti, tende, ecc.

Per quanto tempo dura l'effetto deodorante ed igienizzante nel locale trattato?

Come tutti i trattamenti di igienizzazione e deodorazione "classici", anche questo ha effetto fino a quando gli eventi esterni non modificano l'ambiente, aumentando la carica microbica e/o odori sgradevoli.

Qual è l'ambiente massimo (come dimensione) che si può trattare con AirFarm?

Più l'ambiente è grande e maggiore sarà il tempo di trattamento necessario e la capacità produttiva di Ozono richiesta.

Comunque i vari modelli prodotti rispondono come capacità di trattamento massimo ad un'area predefinita nella strumentazione di utilizzo a bordo macchina.

Quando gli ambienti diventano particolarmente grandi ed i tempi di funzionamento molto lunghi, è buona norma mettere in funzione contemporaneamente più macchine nello stesso ambiente, così facendo si avrà la sicurezza di una buona distribuzione dell'Ozono.

Possiamo dire che una macchina, rapportata al modello e alla conseguente capacità, tratta in modo soddisfacente 50-100-200-300-400 mq, ma ripetiamo, dipende dalla forma della stanza e dagli ingombri interni presenti.

Qual è il tempo massimo di funzionamento continuo programmabile per AirFarm?

AirFarm rivoluziona l'utilizzo di detta tecnologia, con l'adozione di un innovativo sistema di programmazione elettronico preimpostato, come tempo di utilizzo in rapporto alla aree (mq) da trattare e con ulteriori programmi liberi da programmare.

Come si può controllare il corretto funzionamento del trattamento?

Quando l'operatore accende la macchina, deve verificare la corretta accensione di tutte le spie di funzionamento, se la macchina funziona correttamente l'igienizzazione è garantita dalla certificazione.

Il potere deodorante è verificabile da un semplice esame olfattivo.

Cosa si rischia e cosa succede se si rimane involontariamente presenti durante il funzionamento di AirFarm?

A queste concentrazioni l'Ozono non causa intossicazione e/o danni permanenti, può al massimo provocare irritazioni alla gola e agli occhi, ed eventualmente un lieve giramento di testa, facilmente eliminabili spegnendo la macchina o allontanandosi dalla zona di produzione dell'Ozono.

L'Ozono è dannoso per l'uomo ed è conosciuto come un "elemento" negativo; perché fidarsi di AirFarm?

In effetti per eliminare virus, batteri ed odori, l'Ozono deve essere necessariamente nocivo.

La peculiarità dell'Ozono è che ha un vita molto breve, 30 minuti circa, e naturalmente tende a ritrasformarsi in ossigeno.

Ritrasformandosi in ossigeno non lascia residui tossici e nocivi.

Perché è così efficace AirFarm?

Come si può vedere dagli studi effettuati dall'Ozono e dalla notevole bibliografia, bastano pochi minuti e una buona quantità di Ozono per eliminare tutti i microorganismi dannosi e tutti gli odori presenti negli ambienti.

Che manutenzione necessità AirFarm e ogni quanto tempo deve essere pulito il filtro anti-polvere?

L'unica manutenzione necessaria è la pulizia del filtro antipolvere posizionato nel fondo macchina.

Si consiglia l'utilizzo di un'aspirapolvere e la pulizia ogni 7-10 giorni se utilizzato quotidianamente.

Come deve essere posizionata la macchina per un funzionamento ottimale?

Deve essere posizionata in un luogo strategico, in modo che l'Ozono venga distribuito il più uniformemente possibile, al fine di agevolare l'igienizzazione anche nei punti critici.

Di norma in una posizione centrale.

Come ci si deve comportare con le pulizie "classiche", la macchina AirFarm pulisce?

No, la macchina igienizza e deodora in modo ecologico e autonomo, ma le pulizie classiche vanno eseguite prima del trattamento.

Quali sono le peculiarità di AirFarm?

AirFarm permette di igienizzare: Materassi, Cuscini, Telefoni, PC, Tendaggi, ecc.

Altri sistemi lascerebbero residui tossico-nocivi.

Cosa si deve fare se si accende involontariamente la macchina e/o la si vuole Spegnere?

Si deve premere il tasto di accensione/spegnimento al fine di arrestare la produzione di Ozono.

I tubi produttori di Ozono hanno una usura e vanno sostituiti?

No, la produzione di Ozono avviene tramite un sistema di scariche elettriche silenziose.

Che tipi di microorganismi e odori elimina AirFarm?

L'Ozono è il più potete virucida e battericida esistente, ed è in grado di eliminare microorganismi e odori.

L'Ozono è conosciuto come un ossidante che "rovina" i materiali? E' sicuro usare AirFarm?

AirFarm è completamente sicuro, in quanto la quantità di Ozono prodotto ed i tempi di utilizzo, non possono essere in nessun modo "pericolosi", in quanto viene prodotta una quantità assolutamente innocua.

Perché è così innovativo AirFarm?

AirFarm applica una tecnologia innovativa, per cui riesce a produrre "grandi" quantità di Ozono in breve tempo, con un sistema particolarmente efficace, senza manutenzione, con un rapporto qualità / costi davvero incredibile.

Perché conviene AirFarm?

AirFarm permette di risparmiare tempo per effettuare i trattamenti descritti, infatti l'utilizzo della tecnologia elimina l'uso della chimica, come sanitizzanti, e la manodopera impiegata nel trattamento di sanitizzazione.

AirFarm garantisce un'igienizzazione sicura ed efficace anche nei punti critici, altrimenti irraggiungibili.

AirFarm assicura e certifica l'igienizzazione totale dell'ambiente.

L'Ozono è stato riconosciuto dal Ministero della Sanità (protocollo n. 24482 del 31 luglio 1996) presidio naturale per la sterilizzazione degli ambienti contaminati da batteri, virus, spore, ecc. e infestati da acari, insetti, ecc.